Skip to navigation – Site map

Istruzioni redazionali

«Mimesis Journal» pubblica due tipi di articoli: 1) il Comitato Scientifico si rivolge direttamente agli autori chiedendo un contributo oppure avvia la peer review per i contributi proposti da singoli autori. 2) Gli autori possono rispondere a un call for paper oppure sottoporre un’autonoma proposta di pubblicazione. In questo secondo caso occorre inviare l’abstract (max 100 parole) e la relativa bibliografia all’indirizzo mimesis@unito.it.

Tutti gli articoli dovranno essere redatti in lingua italiana, inglese o francese. La Redazione comunicherà all’autore l’esito della peer review e la decisione della rivista. Il processo di valutazione durerà al massimo tre mesi. Per qualsiasi informazione gli autori possono rivolgersi alla Segreteria di Redazione scrivendo all’indirizzo mimesis@unito.it.

Gli autori di articoli in lingua italiana dovranno fare riferimento alle seguenti

Norme redazionali

I contributi devono essere presentati in una delle seguenti estensioni di file: .doc, .docx, .rtf, .odt

Indicazioni tipografiche

Evitare l’uso del sottolineato, del grassetto e del TUTTO MAIUSCOLO.

Corsivo

Si utilizza per:

a) mettere in evidenza parole o concetti;

b) titoli di libri;

c) titoli di articoli;

d) titoli di opere d’arte, film, canzoni, sinfonie...;

e) parole straniere e dialettali non entrate nell’uso comune o non familiari al pubblico a cui il libro si rivolge (se una parola straniera ricorre spesso, meglio proporla in corsivo alla prima occorrenza, definendone il significato, e in tondo successivamente).

Punteggiatura

In chiusura di titoli e sottotitoli si preferisce non concludere con il punto fermo, che invece deve chiudere sempre le note a piè di pagina;

Nelle frasi con virgolette e parentesi: a) i segni di interpunzione verranno posti dopo la chiusura delle parentesi o delle virgolette; b) se, in fine frase, vi sono virgolette o parentesi di chiusura dopo i puntini di sospensione o dopo un punto interrogativo, al loro esterno il punto fermo viene soppresso; c) se la frase termina con un’abbreviazione seguita da parentesi o virgolette di chiusura, il punto finale dopo le medesime viene mantenuto; d) gli esponenti di nota vanno collocati sempre dopo i segni di interpunzione.

Trattino

Il trattino breve (“-”) unisce due parole (es.: “storico-filosofico”, senza spazio tra una parola e l’altra), “Ex” non va seguito dal trattino ma da uno spazio, allo stesso modo anche tutte le preposizioni tipo post, ante, pre, neo, ultra, infra, iper, super, pseudo non vanno seguite da un trattino, ma si collegano al lemma di cui mutano il significato creando un’unica parola.

Il trattino lungo, detto didascalico (“–”, preceduto e seguito da uno spazio), separa frasi in funzione parentetica o sospensiva (incisi), perciò è sempre seguito da un trattino di chiusura.

Virgolette

Per introdurre e chiudere le citazioni brevi vengono usate le virgolette basse (o caporali) «...»; eventuali interventi dell’autore posti al loro interno sono collocati fra parentesi quadre (compresi i tagli, segnalati con [...], i tre puntini sono da inserire come simbolo e non tre punti separati); all’interno delle virgolette basse si useranno le elevate doppie “...”. All’interno delle elevate doppie si useranno le elevate semplici ‘...’.

Le virgolette caporali racchiudono anche i titoli di periodici.

Numerazione delle note

L’esponente di nota, in apice corpo 9, si colloca dopo i segni di punteggiatura.

Citazioni

Le citazioni brevi saranno incorporate nel testo principale utilizzando le virgolette caporali (con conseguente gerarchia di eventuali virgolette interne, «... “... ‘...’ ...”...»). Se le citazioni superano le cinque righe si dovrà andare a capo lasciando una riga libera e scrivendo il testo in corpo minore (10 pt), interlinea singola e con un rientro a sinistra di 0,5 cm. Segue un a capo prima della ripresa del testo.

Discorso diretto e dialogo

Nel discorso diretto e nei dialoghi si possono usare sia le virgolette caporali, sia i trattini didascalici (–). Nel caso particolare delle battute di un testo teatrale ci si attenga alla seguente convenzione: personaggio (in maiuscoletto), eventuale didascalia in corsivo tra parentesi tonde, due spazi e testo della battuta.

Titoli

Fare riferimento ai seguenti esempi:

Non: Ne I promessi sposi...

Ma: Nei Promessi sposi...

Non: Il principale personaggio de Le serve...

Ma: Il principale personaggio delle Serve...

Date

Le date vanno indicate per esteso e in maiuscolo:

gli anni Cinquanta e non: gli anni ’50

il Trecento e non: il ’300

oppure, eventualmente, in numeri romani in maiuscoletto: xx secolo

Le date complete di giorno, mese e anno si scrivono come segue:

il 7 aprile 1954

l’11 gennaio 1956

l’8 marzo 1972

Note

Corpo: 9

Allineamento: giustificato come il testo.

Riferimenti in nota

Citazione di volume

Indicare secondo quest’ordine, separati da virgola, i seguenti dati:

a) nome e cognome dell’autore per esteso (se l’autore ricorre di frequente nel testo, dopo la prima volta si può indicare soltanto con l’iniziale del nome seguita dal punto e dal cognome). Nel caso di opere collettive o miscellanee si prediliga la sigla AAVV;

b) titolo e sottotitolo in corsivo, sia di volume, sia di saggio contenuto in volume;

c) l’eventuale curatore va segnalato dopo il titolo con la dicitura “a cura di” seguita da nome e cognome per esteso;

d) il nome del traduttore va indicato, dopo il titolo, nel caso di testo letterario o poetico, oppure quando sia rilevante rispetto alla natura dell’elaborato preceduto dalla sigla (es.: trad. it. Furio Colombo);

e) casa editrice;

f) città sede dell’editore cui segue, senza virgola, l’anno dell’edizione citata;

Esempio: Sebastiano Alisei, La sua vita nell’arte, pref. di Umberto Candiani, Feltrinelli, Milano 2009 (cui segue eventualmente il numero di pagina della citazione). Nel caso si citi da una raccolta indicare il riferimento come segue: Antonin Artaud, Il teatro balinese, in Marco Dotti, a cura di, Antologia dei teatri apocrifi, Einaudi, Torino 1968, pp. 44-67 (la prima e l’ultima del saggio citato, eventualmente seguite dalla pagina di una precisa citazione, es.: pp. 44-67:49).

g) all’anno di pubblicazione si può aggiungere un numero a esponente per indicare che si tratta della seconda, terza o altra edizione, es. 20053;

h) si indicano nell’ordine capitolo, volume, tomo, pagina della citazione;

i) qualora i testi citati siano accompagnati da prefazioni, postfazioni o altro tipo di contributi è bene citarli.

Citazione di articoli

Indicare secondo quest’ordine, separati da virgola, i seguenti dati:

a) autore;

b) titolo in corsivo;

c) titolo del periodico tondo tra virgolette caporali, non abbreviato e non preceduto da “in”;

d) serie o annata in numero romano maiuscoletto, anno fra parentesi (a meno che manchi l’indicazione dell’annata, nel qual caso l’anno è preceduto e seguito da virgole e non sta tra parentesi), numero, pagina; Esempio: Mario Cardinali, Memorie di un avanguardista di provincia, «Teatro e società», XIX, 2002, pp. 421-433.

Saggi in volume

Titolo (e sottotitolo) in corsivo, seguito da virgola e “in”, a seguire il titolo del volume con le norme sopra indicate.

Ulteriori norme di citazione

– Ivi (in tondo) per indicare lo stesso luogo, cioè lo stesso libro o la stessa rivista se si tratta dello stesso anno (o volume) e dello stesso fascicolo, ma cambia la pagina rispetto alla nota precedente. Se invece anche la pagina è la stessa si usi Ibidem (in corsivo, abbreviato in Ibid.);

Op. cit. per evitare di ripetere un titolo. Il cit. va puntato e seguito da virgola. Va messo in corsivo in quanto sostituto del titolo. Quando invece si deve ripetere un titolo (perché lo stesso autore è citato per un altro testo nella nota precedente che lo riguarda) non è necessario ripetere tutto il titolo: se è lungo, si useranno tre puntini di sospensione, senza virgola. Ecco l’esemplificazione generale: Nome Cognome, Titolo, Editore, Luogo e anno, (più, eventualmente) p. XX. Se si cita un altro saggio dello stesso autore: Nome Cognome, Titolo abbreviato... cit., p. XX. Si utilizza la sigla Vd. (o vd.) quando segue l’indicazione della pagina da cui è tratta la citazione e la sigla Cfr. (o cfr.) quando si rimanda genericamente a un testo o a una sua parte.

– citazione di relazioni a convegni: scrivere, dopo il nome dell’autore e il titolo, “relazione al convegno”, titolo del convegno in tondo tra virgolette caporali, luogo, data. Esempio: L. Talamona, Politica dei prezzi ed economia socialista, relazione al convegno «La politica dei prezzi nei paesi dell’Est», Firenze, 5-9 maggio 1967. – citazioni di tesi di laurea: scrivere dopo il nome dell’autore e il titolo, “tesi di laurea”, l’università, la città, la facoltà, l’anno accademico. Esempio: Guido Rossi, Il mercato dello spettacolo nell’Italia dei tecnici, tesi di laurea, Università di Bologna, Facoltà di Economia e Commercio, a.a. 2010-2011.

– nel caso si tratti di dissertazioni o pubblicazioni on line si riporta l’URL tra parentesi uncinate e la data di consultazione. Esempio: Benjamin Harshav, Marc Chagall, Yivo Encyclopedia of Jews in Eastern Europe, 15 dicembre 2010: <http://www.yivoencyclopedia.org/article.aspx/Chagall_Marc>.

Abbreviazioni più comuni

Capitolo, capitoli: cap., capp.

Confronta: cfr.

Eccetera: ecc. (preceduto da virgola)

Edizione: ed.

Edizione originale: ed. or.

Fascicolo: fasc.

Figura, figure: fig., figg.

Manoscritto, manoscritti: ms., mss.

Non numerato: n.n.

Nota dell’autore e nota del traduttore: [N.d.A.] e [N.d.T.]

Pagina, pagine: p., pp.

Seguente, seguenti: sg., sgg.

Senza indicazione di data: s.d.

Senza indicazione di luogo: s.l.

Traduzione italiana: trad. it.

Immagini e file supplementari

Si accettano fotografie da allegare all’articolo. Ogni immagine deve essere accompagnata da una didascalia in tondo, corpo 11, della stessa giustezza dell’immagine. L’eventuale indicazione della data va inserita tra parentesi tonde.

  • Logo Accademia University Press
  • Logo Università degli Studi di Torino
  • Logo Studium
  • Revues.org