Navigazione – Mappa del sito

Requiem

In memoria del padre Amerigo Fadini (1878-1959)
Edoardo Fadini
p. 4

Testo integrale

1Il fatto si rivela senza avvertimenti – il fatto non subisce controlli – dentro il fatto il movimento reale è senza qualità che A. possa modificare – sentiva la propria speranza ridursi ai termini della propria astrazione – sentiva calare la propria percezione al livello della qualità sostanziale del fatto: secrezione ideale – disfarsi della riflessione – livello comunicativo totale – A. si liberava dell’inerzia riflessiva – si rivolgeva ai movimenti riflessi – cercava il veicolo diretto, il palpare, constatazione di odori e repulsioni decise – vedeva alzare le braccia e ricadere spossate – in aria, per pochi secondi, tentavano la possibilità di un ricambio – cadevano lucidamente, accettate in riposo – il canale si stringe e rende tumultuoso il passaggio – la congestione aumenta – dentro di essa non si può che seguire i sintomi, il baluginare, i segni, i lampi di movimento – come sostenere un movimento? bisogna convertire all’immobilità uno dei due termini in contrasto – lasciargli subire –

2Il desiderio della conclusione aumenta sensibilmente – si tratta di concludere (l’affare è chiuso – si è conclusa felicemente – chiudiamo i conti – a conclusione avvenuta) – il prosieguo di tempo – le indicazioni provocano l’accelerazione di un processo o la sua conclusione, la sua fine – la fine è certa – la fine può essere costantemente provocata – l’intervento della volontà, il gesto provocato dalla volontà, il gesto provocato dalla volontà è possibile soltanto nella direzione terminale – si può provocare la fine – concludere felicemente un contratto – terminare una strada, un edificio, un lavoro – terminare verso il riposo –

Inizio pagina

Per citare questo articolo

Riferimento cartaceo

Edoardo Fadini, « Requiem », Mimesis Journal, 2, 2 | 2013, 4.

Riferimento elettronico

Edoardo Fadini, « Requiem », Mimesis Journal [Online], 2, 2 | 2013, Messo online il 01 dicembre 2013, consultato il 27 giugno 2017. URL : http://mimesis.revues.org/309 ; DOI : 10.4000/mimesis.309

Inizio pagina

Autore

Edoardo Fadini

Saggista e critico teatrale, è stato il fondatore del Cabaret Voltaire, creato negli anni Settanta e dedicato alla diffusione del teatro d’avanguardia. Ispirato a quello di Zurigo del 1916, il Cabaret Voltaire è stato ricavato in un appartamento di via Cavour 7, nel centro di Torino. Tutta la vita di Fadini è stata dedicata alla filosofia e al teatro, prima come critico teatrale dell’Unità poi direttore a Torino dell’Unione Culturale di Franco Antonicelli e in seguito fondatore insieme con il critico teatrale Giuseppe Bartolucci e con il docente Ettore Capriolo della rivista «Teatro». Nel 1975 inizia l’avventura nell’organizzazione e nella promozione teatrale con il Cabaret Voltaire, che rimase aperto fino al 1994. Fu il primo a portare il Living Theatre in Italia e tutto quel teatro che si distingueva dalla tradizione, che non apparteneva al sistema degli Stabili italiani. Il teatro definito d’avanguardia, sperimentale o di ricerca fu al centro del suo interesse. Per trent’anni sodale di Carmelo Bene portò avanti la sua passione organizzando negli anni oltre 419 spettacoli e ospitando l’attore nei primi incontri. Da lì a poco iniziò anche la produzione di spettacoli come l’Antigone del Living.

Articoli dello stesso autore

Inizio pagina
  • Logo Accademia University Press
  • Logo Università degli Studi di Torino
  • Logo Studium
  • Revues.org